sabato 6 dicembre 2014

Tartare di zucca con crema di avocado e patè di olive nere

riempi la stanza del soggiorno con 
scatole, scatoloni, sacchi di iuta e 
sacchetti di cotone bianco ingialliti dal tempo;
li dentro c'è tutto ciò che serve.

no, no, nessuna etichetta o scritta a pennarello,
nessun indizio:
è troppo bella la sorpresa che si rinnova ogni volta!

...chi cerca trova...

già la ricerca, 
si, certo! la ricerca del pezzo giusto:
di quello antico tramandato da generazioni, di quello che preferivi da bambina,
di quello acquistato in paesi lontani, di quello regalato di recente... 

e poi Lui
il protagonista assoluto.

oggi non sembra più così maestoso.
il tempo gli ha portato via l'odore di nuovo,
le luci artificiali  hanno sbiadito un pò  il colore,
la fase del montaggio e dello smontaggio, gli ha fatto perdere qualche pezzo che non si può più riaggiustare,

ma non importa, in fondo in quell'aria vissuta 
ti riconosci.

Lui rimane e rimarrà in assoluto 
il tuo 
ALBERO di NATALE
preferito!!!





LA RICETTA

...perchè  le festività Natalizie  sono sempre l'occasione 
giusta per provare nuove ricette in cucina... 

e con oggi inizio a pubblicare  alcune ricette per le festività,
o almeno questo è il mio proposito:
...spero di riuscire ad arrivare alla fine dell'anno con il dolce.





Antipasto
RAW

TARTARE DI ZUCCA con CREMA di AVOCADO e PATE' di OLIVE NERE



INGREDIENTI
per 1 porzione

gr 70 di zucca gialla delica senza buccia
1/4 di avocado maturo
succo di limone q.b.
1 cucchiaio di trito di foglie di sedano fresche
1 cucchiaino di semi di chia
1/2 spicchio d'aglio
crema di olive kalamata
olio d'oliva EVO, salsa di soia senza glutine, sale, pepe, paprika



PREPARAZIONE

Tritate finemente la zucca dopo averla lavata, mondata e privata della buccia (io ho usato il tritatutto elettrico); unitela ad un cucchiaio scarso di trito di foglie di sedano (oppure se preferite usate un trito di rucola),  1 cucchiaino di semi di chia e fate marinare per almeno 4 ore con olio, succo di limone e salsa di soia (non deve essere troppo unto d'olio, ma il giusto necessario per ammorbidire un pò la zucca).
Mezz'ora prima di servire, frullate l'avocado con succo di limone, un pizzico di sale e di paprika dolce,  fino ad ottenere una crema spumosa ed omogenea.
Componete il piatto con l'aiuto di un coppa pasta: fate lo strato base con la zucca marinata, poi la crema di avocado e con l'aiuto di due cucchiaini, adagiate sopra una quenelle di crema di olive. 
Decorate con semi di chia.



sei sei interessato a scambiare ricette
RAW-VEGAN
chiedi l'amicizia al gruppo!!!


20 commenti:

  1. Cara Mari ho trovato finalmente la mia giusta definizione che e' quella (per adesso)vegetariana /crudista , per la colazione e per il pranzo consumo solo cibi crudi mentre alla sera cotti vegetariani.Tutto questo per dire che la tua ricetta mi piace molto e la provero al piu presto.Prossimamente mi aggiungero al gruppo di fbook, per ora le mie ricette sono troppo basiche.Buon fine settimana!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ottima definizione!!! ma puoi unirti da subito al gruppo! trovi nuove ricette, nuovi spunti, link con altri blog raw... se ti va bene ti inserisco subito! ;-)

      Elimina
  2. Ma che bello! Bravissima, Mari, anche le stelline d'accompagnamento... Una gioia per gli occhi ed anche per il palato! Visti gli ingredienti, è sicuramente delizioso! Buon fine settimana, cara :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Letissia!
      ogni tanto mi trastullo con stelline di pane, di carota...e altre verdure!
      Cosa non si fa per abbellire la tavola di Natale?? :-D

      Elimina
  3. Molto interessante..Indubbiamente per fare questa tua gustosa ricettina, non aspetterò Natale..non ho sacchi con alberi da adornare purtroppo...tutto sparito via ...
    Un abbraccio forte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'importante è sentire dentro il Natale! sai cosa intendo? la voglia di stare con gli amici sinceri... trovare il tempo per fare una telefonata a chi da tanto tempo non senti... cullarsi nella gioia dei propri cari...
      un abbraccio anche a te! :-)

      Elimina
  4. :-D la ricerca dell'albero di Natale! Quanto mi ritrovo: nel nostro caso finisce sempre nel sottoscala! Ottimo questo antipasto, me lo segno fra le cose da provare...

    RispondiElimina
  5. Anch'io in questi giorni ho messo fuori i miei addobbi di Natale...non ne ho ancora molti visto che siamo una coppia molto giovane ma già ad alcuni sono legata in modo particolare ^_^
    Vedere la casa così colorata e luminosa mi mette di buonumore..adoro il Natale :-) e mi piacciono moltissimo queste proposte alternative :-)
    Non vedo l'ora di vedere le prossime e nel frattempo ti auguro un felice we <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie cara Consuelo,
      il menù è quasi pronto...mi manca il primo piatto...vedremo...forse mi cimenterò con "Nonna papera"! :-D

      Elimina
  6. Appena ho letto "scatole, scatoloni" ho pensato al soggiorno di casa dei miei..si è ora di fare l'albero! Il momento che era magico quando ero piccola ma che scalda ancora il cuore a 23 anni suonati...come scaldano il cuore i colori del tuo antipastino.. sembra davvero invitante! Che quest'anno il ricostruire l'albero pezzo pezzo sia segno di una "costruzione" di noi stesse sempre migliore delle precendenti versioni!
    Un abbraccio!
    Zu
    Un abbraccio forte Mari!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...quanta verità nelle tue parole...costruire pezzo per pezzo, ogni giorno! Ce la faremo! ne sono sicura! :-*

      Elimina
  7. Evvabbè, visto che il mio commento è scomparso te lo riscrivo…che ti avevo scritto? Che questa ricetta mi sembrava una meraviglia, e che altro che menù delle feste, io me la sarei sparata direttamente per cena! Cosa che ho fatto appena adesso…ottima! Forse ho esagerato un pelino col limone, ma correggerò la prossima volta :-)

    RispondiElimina
  8. Io mi emoziono quando mia madre tira fuori gli scatoloni con il presepe di famiglia, quello che da bambina mi divertivo tanto a fare, partendo dalle casette e poi dalla capanna...
    Questo piatto è bellissimo, quanto amo i colori così vivi che invogliano proprio a mangiare, a gustare tutto! Evviva il coppa pasta, alleato prezioso! :D

    RispondiElimina
  9. Anche per me l'emozione è sempre la stessa e anch'io conservo palline di quando ero piccola che rispetto a quelle nuove, tutte luccicanti, sembrano miserelle poverine ma sono le palline che amo più di ogni altra. La tua ricetta è proprio una di quelle che mi piacerebbe proporre per Natale: bella, sana e colorata. Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. Mari, ogni tuo post è meglio dell'altro, le tua foto e le tue ricette mi lasciano senza parole!
    Questo antipasto è meraviglioso!

    RispondiElimina
  11. come capisco e condivido l'emozione Mari...
    la tua proposta per lantipasto è deliziosa! poi è a base di zucca che sai essere il mio punto debole! :)

    RispondiElimina
  12. creatura mia questo post mi ha stregato!
    come è vero che gli alberi di natale invecchiano con noi! io ne ho uno che ho comperato quando i miei figli erano piccolissimi, e tutti gli anni lo tiriamo fuori e diciamo che forse sarebbe l'ora di ricomprarlo, perde rami, perde "foglie" ma poi, una volta agghindato con le palline vecchi e qualche tocco nuovo è così speciale che non si puo' più pensare di buttarlo via!
    mi hai fatto entrare di colpo nell'atomosfera del Natale, quest'anno ancora non mi era arrivata bene.
    e la tartarre di zucca? un piatto da chef tesoro, proprio un connubio stupendo!
    bella tu!
    Sandra

    RispondiElimina
  13. Quanto ti capisco...mai e poi mai potrei sostituire il mio albero di Natale "vintage", fino a che rimarrà in piedi :D Questa proposta è proprio deliziosa, appetitosa e aggiungerei anche scenografica...sono davvero curiosa di vedere come ci sorprenderai con le altre portate :) Un abbraccio e a presto!

    RispondiElimina

Mi fa piacere se lasci un commento...
Se sei anonimo per favore firmati! Grazie