venerdì 20 giugno 2014

Albicocche ripiene


se pur lontani, i ricordi sono molto vivi.

il sole caldo sulle colline verdi di Asolo,  
l'erba quasi secca che punge le gambe nude, 
 i grandi cesti di vimini trasportati a fatica
 in previsione di un grande raccolto.

gli alberi di albicocchi regalano dolci pepite dorate,
e tutti i bambini fremono per una fetta di crostata.

in due, in tre, in quattro ci si arrampica sulle scale 
o in altri mezzi di fortuna, in barba alle raccomandazioni dei genitori;

qualcuno bisticcia, ma i più lavorano in fretta per non perdere 
dalle mani le albicocche più mature:

quelle rosse-arancio, con minuscole lentiggini brune.
Solo quelle sono da raccogliere, perchè le più dolci,
le altre vanno lasciate all'albero, perchè ci sarà un raccolto 
la prossima domenica e il divertimento nuovamente assicurato!





...la ricetta, perchè si ricorda meglio, mentre si 
assapora il soggetto di questi ricordi infantili...




INGREDIENTI
per 6 bocconcini di  albicocche

3 albicocche mature e dolci
1/2 tazza di mandorle
1/2 tazza di uvetta sultanina 
1 cucchiaino di scorze di agrumi misti essiccati
o scorza di limone
2 cucchiai di porto (o altro vino dolce liquoroso)


PREPARAZIONE

Mettete in ammollo con acqua le mandorle per almeno un paio d'ore; mettete uvetta e scorzette di agrumi in ammollo con il porto.
Lavate e tagliate a metà le albicocche e togliete il nocciolo.
Scolate le mandorle e frullatele con l'uvetta, le scorze degli agrumi e il porto, fino ad ottenere un composto piuttosto cremoso.
Prendete una cucchiaiata di questo composto e andate a farcire le albicocche.
Mettete le mezze albicocche  in una teglia e infornate per 35 minuti a 170°. Lasciate raffreddare e servite.


Le scorzette di agrumi sono un'auto-produzione: durante l'inverno, con un pelapatate sbuccio arance, limoni e mandarini e metto ad asciugare le bucce, su una vaschetta di alluminio posata sui radiatori accesi della casa (profumano gradevolmente gli ambienti). Quando saranno seccate per bene, le riduco quasi in farina,  con il frullatore e le conservo su vasetti in vetro: mantengono benissimo il loro profumo e loro il sapore. Sono ottime nell'impasto dei dolci, nei risotti, in condimenti e sughi per il riso o la pasta.







17 commenti:

  1. Ricetta golosa e non troppo difficile, posso provare a farla anche io, complimenti!! E complimenti anche per il tuo delizioso blog, appena scoperto: mi sono unita ai tuoi lettori fissi, così non rischio di perdermi le tue prossime realizzazioni, buon fine settimana!
    P.S. Se ti è possibile elimina i codici captcha per il completamento dei commenti... è la terza volta che provo ad inserire un commeno... sic.. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Barbara,
      purtroppo ho dovuto inserire i codici captcha (che anch'io odio) perchè continuavano ad arrivare messaggio SPAM.

      Elimina
  2. Che ricetta meravigliosa..penso che tu stia iniziando a leggermi nel pensiero..proprio oggi guardavo l'albero della vicina carico di albicocche e le possibili ricette con questo strepitoso frutto estivo! La tua risposta è arrivata dritta e puntuale ^_^
    Buon we cara e a presto <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello!!...è l'ideale d'estate avere tanti alberi da frutto in giardino o approfittarne di quelli dei vicini! Ho mangiato fino a ieri le nespole del mio vicino...i rami più soleggiati cadono proprio dentro al mio giardino, come si può non approfittarne!?! ;-)

      Elimina
  3. Gnammy,in un sol boccone ne mangerei volentieri una !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. evvai...un boccone tira l'altro!!! ;-)

      Elimina
  4. Dear Mari, sweet childhood memories are the best!!! I can see you on the hill in Asolo as a beautiful little girl, runnig for some apricots - running in a deep and orange sun! Thank you for sharing!
    Have a wonderful weekend
    Elisabeth

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Some memories are more intense than others, especially if related to the kitchen or fabulous cakes! :-D

      Elimina
  5. Splendido modo per trasformare un semplice frutto in un goloso dessert senza troppe calorie.. Bravissima come sempre Mari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le calorie sono ben camuffate! ...comunque sono sempre d'origine vegetale!!! ;-)

      Elimina
  6. Che bocconcini belli, sani e golosi...da provare assolutamente! E il prossimo inverno mi sa proprio che ti copierò anche l'idea delle scorze di agrumi ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E fai bene! è gradevolissimo sentire il profumo di agrumi che si secca sul calorifero, bastano un paio di giorni, perchè lo spessore della buccia è fine. Gusto e aroma è comunque garantito! ;-)

      Elimina
  7. Che delizia, Mari! Un dessert gustoso e leggerissimo! Voglio una delle tue albicocche, subitooooo!!! :D Baci.

    RispondiElimina
  8. questa e' veramente un'ottima propostaa, anzi due! e, se sostituisco le mandorle, riesco a gustarmi anche le albicocche che crude mi sono proibite! grazie cara, mi hai fatto felice!
    amelie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi sostituire le mandorle con anacardi se puoi mangiarli oppure con le noci: gli aromi variano un pò ma credo che l'abbinamento sia buono comunque! :-)

      Elimina
  9. Dai, non ero venuta a leggere venerdì, non sapevo che anche qui fosse esplosa la voglia di albicocche! :D Sono tra i frutti che più amo, anche come aspetto... tonde, rassicuranti, ottime da riempire o farcire, hai ragione! Ora so un modo nuovo per mangiarle contenta... :-)

    RispondiElimina

Mi fa piacere se lasci un commento...
Se sei anonimo per favore firmati! Grazie